Disabili

Notizie

Giu
08
2016
LO SPORTELLO ABILITO APRE ANCHE A SAN GIORGIO CANAVESE

Avrà luogo giovedì 16 giugno 2016, dalle ore 17 alle ore 19, al piano terra della Sede Municipale in Via Dante n. 25 a San Giorgio Canavese, l'inaugurazione dello Sportello ABILITO del CISSAC. Lo Staff di ABILITO sarà presente allo Sportello tutti i GIOVEDI' dalle ore 16 alle ore 18...

Area DISABILI - Interventi

puzzle

A partire dagli anni '60 anche in Italia, come in molti altri Paesi, si è fatta strada una ideologia che vede nella persona diversamente abile un portatore di bisogni alla quale l'intera comunità e le istituzioni devono garantire i diritti che la Carta Costituzionale sancisce come base della cittadinanza.

Il processo avviato in quegli anni ha portato ad una modifica radicale nella modalità di rispondere ai problemi della disabilità e nel  modo di porsi di fronte all'handicap, pensato prima come "malattia" da recuperare in apposite strutture e con risposte spesso paternalistiche ed oggi come "risorsa" ed "opportunità" da valorizzare.

I disabili stessi, le loro famiglie e numerosi operatori competenti e sensibili hanno dato un significativo contributo al cambiamento culturale e stimolato la parte politica italiana ad approvare leggi sempre meno emarginanti e sempre più finalizzate all'inclusione.

Con l'emanazione della legge 118/71 e soprattutto con le leggi 360/76 e 517/77 inizia il processo di integrazione della persona diversamente abile. La possibilità di accedere alle istituzioni scolastiche e formative come ogni altro bambino, ragazzo e giovane hanno portato, anche se lentamente, ad una profondo cambiamento della cultura del nostro Paese.

Assistente
Da un lato un numero crescente di persone ha  preso e prende coscienza della disabilità, si è misurato e si misura con essa, la  conosce e si libera dei tanti pregiudizi che l'avvolgono, acquisendo consapevolezza dei bisogni e dei diritti delle persone che ne sono portatrici. Nello stesso tempo nella mente di tanti ragazzi affetti  dalle più disparate patologie prende corpo un'idea di sé e della propria vita diversa dal passato: essi sognano e desiderano, come tutti, lavorare, viaggiare, fare sport, divertirsi, formarsi una famiglia ed in molti casi sentono di avere necessità e diritto di condurre una vita indipendente.
Nel 1992 il Parlamento Italiano ha approvato la legge 104/94 e, dal quel momento, il salto di qualità è stato notevole. La Legge non è stata varata solo per promuovere alcuni servizi per i disabili, ma al contrario, ha posto al centro la persona disabile, la sua famiglia, i suoi bisogni.
Alle istituzioni pubbliche e private invece è stato e viene  demandato il compito, ad ognuno secondo le proprie competenze, di garantire alla persona diversamente abile pari opportunità di integrazione, di affermazione, di non discriminazione e di diritti di cittadinanza.
Con la legge 68/99 viene sancito il diritto delle persone disabili all'inserimento ed alla integrazione nel mondo del lavoro attraverso interventi di sostegno e di collocamento mirato.
Anche le istituzioni territoriali pubbliche  hanno avuto uno sviluppo in termini di servizi. Agli inizi degli anni '70  le amministrazioni locali hanno profuso un enorme impegno per deistituzionalizzare le persone subnormali ed offrire  agli handicappati prima e, finalmente, diversamente abili oggi, servizi volti alla rimozione di quegli ostacoli che si frappongono alle pari opportunità e alla piena partecipazione a tutti gli aspetti della vita.
Disabilità
Assistenza domiciliare, servizi di supporto per l'integrazione scolastica e lavorativa, servizi favorenti lo sviluppo delle potenzialità di crescita personale e di partecipazione, supporto e  sostegno delle famiglie sono in estrema sintesi, i servizi che il CISSAC sin dalla sua costituzione offre alle persone diversamente abili del proprio territorio.
Per il futuro il CISSAC, facendo propri parte degli obiettivi con i quali il Governo italiano ha chiuso nel 2003 l'anno europeo del Disabile, intende impegnarsi ad assicurare "il diritto di cittadinanza" ai propri concittadini diversamente abili soprattutto attraverso:
  1. l'eliminazione di qualsiasi forma di discriminazione;
  2. lo sviluppo di azioni positive che favoriscano l'occupazione ed il miglioramento dell'accessibilità ai posti di lavoro;
  3. la valorizzazione ed il sostegno alla famiglia attraverso interventi coordinati e di diversa natura che offrano risposte adeguate e tarate su specifiche esigenze.

Video "STRADE NUOVE"

Arcoiris TV

Realizzato con la collaborazione del GRUPPO ABELE, il video "STRADE NUOVE", disponibile anche su questo sito grazie ad una collaborazione con ARCOIRIS TV, è nato da un progetto dell'Area Integrativa denominato "IO CI STO" (concluso), mirato alla sensibilizzazione del volontariato a favore di persone diversamente abili.

Un particolare ringraziamento ai nostri Renata, Caterina, Diego e a tutti coloro che, quotidianamente, contribuiscono atl_files/file_e_immagini/Images/LINKS/diego.jpg renderli così speciali.

PER VISIONARE "STRADE NUOVE":

Clicca su
http://www.arcoiris.tv/search/s/strade+nuove/

PRINCIPALE NORMATIVA DI RIFERIMENTO

LEGGE 5 febbraio 1992, n. 104
Legge-quadro per l'assistenza, l'integrazione sociale e i diritti delle persone handicappate.

Collegamento a Banca Dati NORMATTIVA

LEGGE 21 maggio 1998, n. 162
Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 104, concernenti misure di sostegno in favore di persone con handicap grave.

Collegamento a Banca Dati NORMATTIVA
LEGGE 12 marzo 1999, n. 68
Norme per il diritto al lavoro dei disabili 
Collegamento a Banca Dati NORMATTIVA

Deliberazione della Giunta Regionale 21 luglio 2008, n. 48-9266
Approvazione “Linee guida per la predisposizione dei progetti di Vita Indipendente”

Collegameno al Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte

D.G.R. 15 Febbraio 2010, n. 56-13332
Assegnazione risorse a sostegno della domiciliaria' per non autosufficienze in lungoassistenza a favore di anziani e persone con disabilita' con eta' inferiore a 65 anni. Modifiche ed integrazioni alla DGR 39-11190 del 06 aprile 2009.

Collegamento al Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte

D.G.R. 29 Marzo 2010, n. 26-13680
Approvazione delle linee guida sul funzionamento delle Unita' multidisciplinari di valutazione della disabilita' (UMVD).

Collegamento al Bollettino Ufficiale della Regione Piemonte
DIRITTO ALLA SALUTE (raccolta normative)
(fonte: HandyLex)
Collegamento al sito handyLex
DIRITTO AL LAVORO DELLE PERSONE CON DISABILITA' (raccolta normative)
(fonte: HandyLex)
Collegamento al sito HandyLex
AGEVOLAZIONI FISCALI PER PERSONE CON DISABILITA'
(fonte: HandyLex)
Collegamento al sito HandyLex