Servizio di Assistenza all'Autonomia e alla Comunicazione Personale (S.A.A.C.P.)

IN COSA CONSISTE

La legge-quadro sull'handicap 5 febbraio 1992 n. 104, all'art. 13, comma 3, pone a carico degli Enti Locali (Comuni) l'obbligo di fornire "l'assistenza per l'autonomia e la comunicazione personale degli alunni con handicap fisici o sensoriali" garantendo attività di sostegno mediante l'assegnazione di docenti specializzati.

Nella realtà consortile la competenza comunale riferita a questo servizio è stata trasferita al CISSAC con atto deliberativo dell'Assemblea Consortile in data 28 settembre 2000. Il Consorzio ha pertanto assunto la gestione diretta del Servizio S.A.A.C.P. a partire dall'anno scolastico 2001-2002.

Il S.A.A.C.P. consiste, pertanto, nel complesso delle prestazioni di natura socio-educativa-assistenziale erogate all'interno delle scuole a sostegno del percorso di autonomia, di integrazione e di comunicazione degli alunni disabili, in considerazione della globalità della persona e del percorso di crescita di ogni individuo e fa parte del Piano Educativo Individualizzato (P.E.I.).

FINALITA'

Le finalità del servizio S.A.A.C.P. sono quelle di garantire il diritto allo studio agli alunni portatori di handicap fisici o sensorali, favorendone altresì l'integrazione scolastica, l'integrazione sociale e la socializzazione, l'inserimento e la partecipazione a tutte le attività scolastiche, con la ferma convinzione che l'inclusione sociale delle persone con disabilità abbia il suo inizio proprio nella fase di ingresso nel mondo della scuola.

DESTINATARI

Il S.A.A.C.P. è rivolto ad alunni diversamente abili certificati (Profilo Descrittivo di Funzionamento della Persona / Diagnosi Funzionale) che necessitano di assistenza specialistica per l'autonomia e la comunicazione, purché siano residenti in uno dei 18 Comuni consorziati CISSAC e siano inseriti nelle scuole dell'infanzia, scuole primarie, scuole secondarie di grado inferiore, ubicate sul territorio di competenza consortile. 

DA CHI E' SVOLTO IL SERVIZIO

Il CISSAC ha affidato ad un educatore professionale dipendente il compito di valutare, programmare ed organizzare il S.A.A.C.P., figura che riveste particolare importanza a partire dalla fase di presa in carico del soggetto alle fasi successive di monitoraggio e valutazione degli interventi, nel raccordo e nel confronto con tutte le figure professionali che gravitano intorno all'alunno disabile e, soprattutto, con la famiglia del minore stesso.

Per poter erogare il servizio il CISSAC si avvale, altresì, di personale specializzato come educatori professionali ed operatori socio-sanitari (O.S.S.) della Cooperativa appaltatrice, figure professionali della scuola (insegnanti, insegnanti di sostegno, collaboratori scolastici, ecc.), i quali hanno il compito di garantire, nel contempo, sia lo svolgimento delle attività socio-formative che l'effettiva integrazione scolastica dell'alunno disabile.

PROCEDURA


PRIMA FASE

L'alunno con disabilità viene segnalato dalla scuola al CISSAC entro il 30 aprile di ogni anno. La segnalazione deve essere accompagnata dalla seguente documentazione:

  • Diagnosi Funzionale redatta dall'ASL territorialmente competente (per il territorio del CISSAC è l'ASL TO4);
  • P.E.I. (Piano Educativo Individualizzato) dell'alunno;
  • Scheda informativa.

La segnalazione/richiesta di attivazione del servizio viene acquisita al Protocollo del CISSAC.

SECONDA FASE

La valutazione delle richieste viene fatta dalla Commissione Interdisciplinare che ha il compito di disciplinare criteri, obiettivi e monte-ore di assistenza da assegnare per ogni singolo caso attraverso le proposte del Gruppo Integrato.

La Commissione Interdisciplinare è così composta:

  • Dirigente Scolastico o suo Delegato;
  • Operatore dell'ASL TO4 - Servizio di Neuropsichiatria Infantile;
  • Responsabile di Area e Referente del S.A.A.C.P. del CISSAC;
  • Rappresentante dei Comuni;
  • Assistente Sociale Referente.

La Commissione può integrarsi con un Referente della Provincia di Torino.

TERZA FASE

L'Operatore del servizio S.A.A.C.P. della Cooperativa appaltatrice è tenuto alla compilazione del foglio presenze che viene conservato presso la scuola e che, a fine mese, viene controfirmato da un referente designato dal Dirigente Scolastico

RIFERIMENTI
SERVIZIO DI ASSISTENZA ALL'AUTONOMIA E COMUNICAZIONE PERSONALE (S.A.A.C.P.)
Responsabile: Educ. Prof.le Coordinatore Emilia GARIGLIO
Operatore: Educ. Prof.le Mariateresa GIORDANA
Indirizzo: Via San Francesco, 2 - 10014 Caluso (TO)
Telefono: 011 98 93 511
Fax: 011 98 32 976
E-mail: progetti@cissac.it
P.E.C.: consorzio@pec.cissac.it

File scaricabili

Servizio di Assistenza all'Autonomia e alla Comunicazione Personale - Linee Guida
Tematica: Disabili / Settore: Area Integrativa